10 Gen. 2022 | 06:50
COVID: i SINTOMI della Variante OMICRON sono diversi! Come capire se si è stati contagiati

I SINTOMI della Variante OMICRON sono diversi

I SINTOMI della Variante OMICRON sono diversi
La diffusione della variante Omicron è uno dei fattori che sta dell'impennata dei contagi in Italia. Se in passato il covid aveva una linea più definita per riconoscere i sintomi, adesso si fafatica a capire che si tratti di Covid se non si ricorre all'aiuto di untampone rapido o molecolare.

Questo perché, nella maggior parte deicasi, nei vaccinati i sintomi si confondono e sovrappongono a quelli diun comune raffreddore o influenza e ben sappiamo che questo è il periododell'anno in cui il virus influenzale contagia maggiormente.
Isintomi della variante Omicron si camuffano ancora di più con quelli influenzali, ma cosa cambia nel concreto tra le varianti? I dati inglesi ci dicono che il 41% deipositivi con Delta non sentiva più sapori e odori, mentre con Omicron lapercentuale è compresa tra il 12 e 23%.
Gli epidemiologi, come riportato anche dal quotidiano Repubblica, hanno spiegato che la nuova variante si presenta con naso che cola, starnuti, mal di testa, gola che brucia, dolori alle ossa e stanchezza. Da qui, l'avvertimento: lepersone che hanno questi segni non dovrebbero sottovalutarli. Ènecessario che facciano un test per eventualmente isolarsi e noninfettare gli altri.

I sintomi sono sicuramente più lievi rispetto alle altre varianti, per diversi fattori: uno su tutti, la vaccinazione, che mitiga gli effetti della malattia grave odell'immunizzazione della maggior parte delle persone. Inoltre, rispettoad inizio pandemia, le categorie più colpite oggi sono quellepediatriche (5/12 anni) e i giovani entro i 40 anni. Attenzione, però, il virus si diffonde facilmente anche alle fasce più deboli dellapopolazione.

Un altro indizio a favore della minor pericolosità di Omicron è il fatto che esso colpisce maggiormente le vie aeree superiori (naso egola) rispetto ai polmoni, secondo lo studio dell'Università di HongKong. In laboratorio, infatti, i ricercatori si sono accorti che messa acontatto con cellule umane del tessuto dei bronchi, essa si moltiplica 70volte più rapidamente rispetto a Delta, mentre nelle cellule dei polmonila replicazione avviene molto più lentamente.
Ecco perché contagia dipiù: il virus esce più facilmente se presente nei bronchi, ma non causa idanni enormi che può provocare ai polmoni.




Torna alla home notizie

Previsioni meteo a cura di

News Meteo


Modifica consenso Cookie