8 Lug. 2021 | 06:26
Meteo: PROSSIMA SETTIMANA, da Martedì 13 primo DURO STOP all'ESTATE, tanta PIOGGIA e CROLLO TERMICO. La TENDENZA

Prossima settimana: stop all'estate

Prossima settimana: stop all'estate
La prossima settimana ci potrebbe essere il primo duro stop all'estate. E' questa la principale novità che emerge oggi dagli ultimi aggiornamenti della nostra APP ufficiale.
Dopo diverse settimane all'insegna di un caldo a tratti opprimente su buona parte dell'Italia, intervallate solamente da veloci e localizzati break temporaleschi (come per esempio quello di domenica 4 luglio), tra qualche giorno potrebbe esserci una tregua più corposa. Per carità, nulla di definitivo, d'altronde non siamo ancora a metà luglio, ma di piccola svolta possiamo forse parlare.
Più concretamente, la nostra attenzione si concentra su martedì 14 luglio, quando una profonda depressione, ricolma di aria fresca e temporali, riuscirà verosimilmente a sfondare il muro anticiclonico e a dare il via ad una fase decisamente turbolenta su molte delle nostre regioni. E anche più fresca.

Ma andiamo con ordine.
Se sul nostro Paese a farla da padrone in questo inizio di estate è stato senza ombra di dubbio l'anticiclone africano, la situazione è stata ben diversa sul Centro-Nord Europa, frequentemente ostaggio di piogge, grandinate e persino di tornado (il più recente sulla Repubblica Ceca). La causa va ricercata in una bassa pressione semi-permanente, una sorta di "macchina delle perturbazioni" che staziona alle alte latitudini del Vecchio Continente e che a più riprese invia impulsi instabili i quali vanno successivamente ad interagire con le correnti calde ed umide in risalita dal Nord Africa, provocando spesso degli sconquassi meteorologici.

Ebbene, nei prossimi giorni un vasta area depressionaria posizionata tra Groenlandia e Islanda inizierà il suo viaggio verso il cuore dell'Europa, grazie alla spinta di correnti d'aria polari marittime.
L'arrivo sul bacino del Mediterraneo di questo vortice ciclonico è atteso proprio all'inizio della prossima settimana e comporterebbe, se confermato, non solo l'innesco di una fase di maltempo da non sottovalutare, ma anche un crollo delle temperature.
Nulla di così anomalo, tuttavia. Come spesso accade, dopo le "fiammate africane" di una certa consistenza, nei bassi strati dell'atmosfera ristagnano ingenti quantità di umidità e calore, ovvero "l'energia potenziale" per lo sviluppo di eventi meteo estremi. Successivamente, al primo refolo fresco e instabile in quota, i moti convettivi (aria calda che sale) favoriscono la formazione di temporali particolarmente violenti, con elevato rischio di grandine e in alcuni casi, più rari, anche di trombe d'aria.

Quali sono dunque le conseguenze concrete che rischierà il nostro Paese la prossima settimana
? Le condizioni meteo sono attese in peggioramento a partire da martedì 13 luglio, quando ci aspettiamo l'arrivo di intense precipitazioni, inizialmente al Nord. Successivamente, specie da giovedì 15, il maltempo potrebbe estendersi verso il resto del nostro Paese.
Per i dettagli occorre ovviamente aspettare ancora qualche giorno, vista la distanza temporale ancora abbastanza elevata. Detto questo vi consigliamo di rimanere aggiornati, l'estate potrebbe davvero subire il primo serio stop.




Torna alla home notizie

Previsioni meteo a cura di

News Meteo


Modifica consenso Cookie