Scegli la città

Tornado sulla Riviera del Brenta: cause scatenanti

Nel pomeriggio di Mercoledì 8 Luglio 2015, gran parte del Veneto è stato interessato da un episodio di severo maltempo con rovinose grandinate tra vicentino ed alto padovano, mentre un violento tornado  si è abbattuto poco ad Ovest di Venezia, sulla Riviera del Brenta.
Dopo  moltissimi giorni all'insegna dell'alta pressione nord africana con temperature elevate e tassi di umidità alle stelle, l'approssimarsi di fronte freddo atlantico ha favorito la genesi di un isolato ma potente temporale sull'alta pianura veneta.
Le  condizioni di partenza al suolo erano a dir poco ESPLOSIVE: valori di temperatura diffusamente intorno ai 33-35°C, temperature di rugiada al mattino di 26-27° lungo la costa veneziana, CAPE (energia potenziale disponibile alla convezione) oltre 3000-4000 J/kg indice di possibili temporali severi.
 Un mix esplosivo che ai primi refoli di aria fresca in quota ha dato la miccia al notevole carburante presente nei bassi strati.
Le condizioni presenti hanno quindi rapidamente degenerato la cella convettiva del vicentino, in una pericolosissima supercella tornadica  che nell'entroterra veneziano ha dato il peggio di sé poco dopo le 17.
Una zona, quella del Veneto centrale, già nota in passato ad eventi vorticosi, ove spesso si crea una stretta CONVERGENZA CICLONICA di venti al suolo al passaggio di saccature atlantiche, tra Scirocco mite ed umido dal mare con aria più secca e fresca in arrivo da pianure interne e rilievi alpini.
Quest'aspetto, insieme ovviamente a molti altri,  è fondamentale ed il più importante nella genesi di temporali aventi rotazione antioraria al loro interno e in grado quindi a sviluppare fenomeni vorticosi.
 Intorno alle 17.
30 ha preso quindi vita una breve ma violentissima tromba d'aria che ha lasciato una lunga scia di distruzione tra i comuni di Pianiga, Dolo e Mira, per poi dissiparsi in prossimità della costa.
 Un evento non nuovo per la pianura veneta centro-orientale come detto.
Basti pensare al tornado di Venezia del settembre 1970, o ai più recenti episodi di Salboro (PD) nel luglio 2008 e Riese Pio X (TV) nel giugno 2009 entrambi classificati come EF3.
Una situazione quindi che anche in futuro non è da escludere possa riproporsi con la medesima intensità, a maggior ragione se i periodi estivi continueranno ad essere contraddistinti dall'invadenza sulla nostra Penisola dell'anticiclone nord africano.

Fonte 3BMeteo

Previsioni a cura di 3BMETEO

Altre notizie







Previsioni a cura di 3BMETEO

Spiagge Italiane

località balnearemareuv
Portofinomosso0.6
Forte dei marmimosso0.6
Porto Cervopoco mosso2
Fregenemolto mosso0.8
Gallipoliquasi calmo5
Cefalu'quasi calmo4.8
Stintinomosso1.5
Tropeaquasi calmo5
Bollettino mare completo

Estremi Meteo