Scegli la città

E se un fulmine colpisse un aeroplano in volo?

Da sempre i temporali e i fenomeni ad essi associati, in particolare i fulmini, rappresentano un rischio per il traffico aereo.
I radar di bordo e le informazioni a disposizione dei controllori di volo aiutano la navigazione in aree interessate da perturbazioni meteorologiche, ma non sempre si riesce ad evitare che gli aerei seguano rotte troppo vicine a fenomeni insidiosi.
 I fulmini colpiscono regolarmente ogni aeroplano, secondo le statistiche una volta l’anno oppure ogni 1000 ore di volo.
Ma raramente causano incidenti.
Il motivo principale è che gli aeroplani hanno una struttura metallica, cioè conduttrice di elettricità: la corrente scorre sulla superficie della fusoliera e non raggiunge l’interno, proseguendo la sua corsa nel vuoto (principio della gabbia di Faraday).
Tuttavia ciò non basta a offrire assoluta sicurezza ai passeggeri dei voli.
 Nel lontano 1962, un fulmine colpì un Boeing 707, incendiando il serbatoio del kerosene e causando la morte di 81 passeggeri.
Fortunatamente le moderne tecnologie adottate sui velivoli degli Usa ed europei, hanno ridotto drasticamente il rischio di incidenti.
 
Fonte 3BMeteo

Previsioni a cura di 3BMETEO

Altre notizie







Previsioni a cura di 3BMETEO

Spiagge Italiane

località balnearemareuv
Portofinopoco mosso9
Forte dei marmipoco mosso9
Porto Cervomosso9
Fregenemosso10
Gallipolipoco mosso4
Cefalu'mosso8
Stintinomosso9
Tropeamosso7
Bollettino mare completo

Estremi Meteo